ANGELO CLANDESTINO BATTITO d’ALI

pubblicato in: grandi eventi | 0

 

Spesso invitiamo più di un Ospite d’Onore alle nostre Feste Milonghe, non è raro tra i nostri Ospiti osservare un fotografo affermato.

 

Angelo Clandestino   è uno di loro.

 

ANGELO CLANDESTINO BATTITO d’ALI 

 

Ho chiesto per te ad  Angelo Clandestino di descriversi e mi ha risposto:

 

Sai Angelo, che mi metti in difficoltà chiedendomi di parlare di me stesso, io sono un tipo molto schivo e molto riseravto, non amo scrivere tanto meno di me stesso, cerco di supplire a questa mia mancanza facendo parlare le immagine, a volte ci riesco a volte no, ma sicuramente faccio meno danni che a scrivere.

 

Questo attegiamento mi ha molto incuriosito davvero, e allora ho voluto guardare con gli occhi del cuore il suo lavoro, anzichè soffermarmi a leggere di Lui.

 

Angelo Clandestino, nella nostra chiccherata mi aggiunge:

 

Per me il vostro è un mondo nuovo, l’universo del tango argentino, ma che mi affascina tantissimo sto cercando di carpine i segreti per realizzare delle buone immagini…

 

Devo ammettere che Angelo Clandestino i segreti li ha certamente carpiti.

 

Scopro nei suoi scatti attimi fondamentali ed i particolari che concorrono al grande tango, abbracci carezze ed inoltre gli attimi naturali e spontanei.
Mi rendo conto che  Angelo Clandestino ha ragione, il fotografo deve essere il più discreto possibile per farti vivere al meglio i tuoi momenti incantati, facendo gioire al massimo, gli scatti di un attimo improvviso.

 

Angelo Clandestino, il 25 e 26 Aprile, catturerà i momenti migliori della Milonga, senza interromperti e stressarti durante il ballo, e soprattutto catturando espressioni genuine e spontanee.

 

battito d'ali angelo clandestino 1

 

battito d'ali angelo clandestino 2

 

 

angelo Vlandestino battito d'ali 4

 

angelo Vlandestino battito d'ali 5

 

 ANGELO CLANDESTINO BATTITO d’ALI

 

© ANGELO MANGIAPANE CAFFEINA WOODOO MARKETING – MARKETING E COMUNICAZIONE

|CAFFEINA WOODOO MARKETING |MARKETING E COMUNICAZIONE

Segui Angelo Mangiapane su Google+

angelomangiapane@gmail.com